News

L’atto di pignoramento

Pubblicato il 05/10/2020

atto pignoramento

L’atto di precetto è una comunicazione formale, una sorta di preavviso di esecuzione che consente al debitore di agire sanando il suo debito e non dare inizio alla procedura esecutiva. 

Dopo la notifica dell’atto di precetto, il creditore deve aspettare che siano trascorsi 10 giorni, prima di poter dare avvio alla procedura esecutiva, mediante la redazione di un atto di pignoramento. Il debitore, ricevuta la notifica dell’atto di precetto, ha la possibilità di evitare il pignoramento attraverso il pagamento di quanto dovuto. In caso di mancato pagamento, il creditore invierà al debitore, per mezzo dell’ufficiale giudiziario, la notifica dell’atto di pignoramento, dando così avvio all’esecuzione per il recupero del suo credito.

Nel caso di una procedura esecutiva immobiliare, il pignoramento riguarderà gli immobili di proprietà del debitore. Il pignoramento immobiliare è un atto giuridico che contiene l’ordine imperativo al debitore di non sottrarre i beni soggetti dell’espropriazione. L’atto di pignoramento richiede al debitore di comunicare alla cancelleria del giudice dell’esecuzione la residenza o l’elezione di domicilio, avvisando che in caso di irreperibilità, le notifiche e comunicazioni saranno effettuate presso la cancelleria del giudice.

La trascrizione dell’atto di pignoramento avviene presso la Conservatoria dei registri immobiliari del territorio competente; la trascrizione può avvenire subito dopo la notifica dell’atto di pignoramento da parte dell’ufficiale giudiziario. 

Dopo la trascrizione, l’ufficiale giudiziario deposita l’atto di pignoramento notificato e la nota di trascrizione, presso la cancelleria del Tribunale; il creditore deposita a sua volta, presso la stessa cancelleria, il titolo esecutivo e l’atto di precetto. Il creditore, entro 45 giorni dal deposito in cancelleria, deve chiedere l’istanza di vendita degli immobili sottoposti a pignoramento; scaduto il termine senza che vi sia stata richiesta di vendita, il giudice dichiara l’estinzione del processo esecutivo e ordina la cancellazione della trascrizione del pignoramento.